Impariamo a proteggere dal sole la pelle con rimedi e prodotti naturali

L’estate è sinonimo di sole, vita all’aria aperta, mare (per i più fortunati!) e abbronzatura.  Spesso la nostra pelle che ha vissuto fino a poco tempo prima sotto abiti pesanti, poco a contatto con l’esposizione di agenti atmosferici non è pronta, soprattutto se poi è molto chiara, delicata e sensibile. Scopriamo insieme in questo post come proteggere la pelle dal sole con metodi naturali.

Prepariamo la pelle alla nuova stagione

La cosa migliore da fare sarebbe quella di preparare per tempo la nostra pelle. Una delle strategie da attuare è (soprattutto per i fototipo chiari) quella di aiutare la produzione di melanina assumendo, almeno due mesi prima dell’esposizione, integratori a base di betacarotene. Potreste utilizzare le perle di olio di carota o estratti secchi di carota che, metabolizzati dal nostro organismo, riescono a sollecitare la produzione di melanina e ad attivare la vitamina A per proteggere la nostra pelle.
Anche l’alimentazione diventa fondamentale e quindi integriamola con alimenti quali: carote, pomodori, peperoni, pesche, albicocche così da poter stimolare la produzione di melanina che, tra le tante cose, ci aiuta a prevenire i fastidiosi eritemi solari oltre che le scottature.

Inoltre dovremmo effettuare un’esfoliazione profonda per eliminare le cellule morte, purificando così la pelle e liberando i pori così che il corpo risulti più recettivo ai prodotti protettivi e idratanti. Altro punto importante è, infatti, l’idratazione da effettuare sia all’interno (incrementando l’apporto di acqua assunta, assumendo antiossidanti –quindi elementi ricchi di vitamina E) che all’esterno con prodotti naturali e privi di paraffina e petrolati (come, ad es., il burro di karitè o l’olio di argan).

La pelle e il sole

…effetti positivi

I raggi solari, se assorbiti in quantità moderata, possono essere un importante alleato della nostra salute in quanto apportano una serie benefici per l’organismo. Per esempio, sono essenziali per la sintesi della vitamina D (allo scopo basta stare al sole anche solo 20 minuti al giorno), e sono utili anche per il trattamento di diverse patologie (come malattie dermatologiche quali l’eczema). Migliorano, inoltre, il tono dell’umore, l’attività cardiocircolatoria; favoriscono la produzione e il rilascio di alcune sostanze (come l’acido urocanico) dotate di proprietà antiossidanti e protettive a livello cutaneo. Inoltre, le radiazioni UV manifestano una potente attività antibatterica che risulta utile nella prevenzione e nel trattamento di alcune manifestazioni cutanee.

…effetti negativi

Se, però, l’esposizione al sole è eccessivamente prolungata e senza adeguati fattori di protezione, i raggi UV diventano rapidamente dei nemici: possono lasciare in regalo antiestetiche macchie cutanee, causare eritemi (con sintomi come arrossamento, gonfiore, secchezza, bruciore, prurito), a lungo termine favoriscono l’invecchiamento della pelle e la formazione di rughe (il fenomeno del fotoinvecchiamento causato soprattutto dagli UVA che rendono la pelle ispessita, ruvida, lassa, secca e con rughe) e possono anche determinare dei radicali liberi, molecole contenenti atomi che possiedono un elettone spaiato a livello orbitale più esterno e, per questo, risultano instabili.  L’instabilità crea dei processi a catena che favoriscono la produzione di sostanze tossiche e possono danneggiare alcuni elementi cellulari (DNA, proteine)

Ma, soprattutto, possono causare ustioni alla pelle che, oltre a essere dolorose (nelle scottature più intense si avvertono dolore, bruciore e prurito cutanei, compaiono bolle e vescicole, seguite da una forte desquamazione. In alcuni casi possono accompagnarsi anche sintomi più generali, come febbre, nausea e mal di testa) rappresentano uno dei principali fattori di rischio per la comparsa di tumori cutanei. In particolare, sono soprattutto le scottature subite quando si è bambini a favorire la comparsa in età adulta del melanoma, tumore molto aggressivo che deriva dalla trasformazione maligna dei melanociti, le cellule deputate alla pigmentazione della pelle.

Solari naturali con fiori e spezie

Meglio quindi ricordarsi sempre di proteggere la cute esposta con prodotti solari, scegliendo quelli più adatti al fototipo, ricordandosi di applicarli spesso.

La protezione che sceglierete per la vostra pelle è fondamentale ma dovrete avere cura di idratarla e coccolarla continuamente. Potrete, dunque, preparare degli ottimi oli naturali che, inoltre, vi doneranno una abbronzatura più intensa e duratura.
Ricordate di applicare gli abbronzanti fai da te solo su pelle già abbronzata!

Abbiamo già visto in un articolo precedente alcuni rimedi naturali per la pelle, nelle prossime righe ti presenteremo altri tre prodotti ideali per proteggere la pelle dal sole in maniera naturale con spezie ed erbe.

Abbronzante nutriente all’olio di mais e fiori di iperico

Per realizzare questo abbronzate utilizziamo 250 gr di olio di mais e un pugno di fiori di iperico. Mettete insieme tutti questi ingredienti all’interno di un barattolo di vetro, mescolate bene il tutto, chiudete ermeticamente e lasciate macerare per 10 giorni al buio. Trascorso il tempo necessario filtrate e aggiungete 100 grammi di olio di avocado, che renderà l’abbronzante più nutriente, e mescolate. Il vostro unguento è pronto per essere applicato prima dell’esposizione al sole.

Olio abbronzante alla carota per dorare la pelle

Per realizzarlo vi occorreranno due carote e dell’olio di semi di girasole che deve essere preferibilmente ottenuto con spremitura a freddo: in questo modo ha un effetto finale migliore per il nostro olio abbronzante. Lavate le carote, tagliate le estremità ed eliminate la pelle. Grattugiatele e inseritele in un barattolo aggiungendo un bicchiere di olio di semi di girasole, mescolate bene e lasciate riposare per 10 giorni in luogo asciutto e al riparo dalla luce. L’olio assumerà un colorito arancione molto intenso, andrà poi filtrato e inserito in un contenitore spray e utilizzato al bisogno

Abbronzante all’olio di sesamo, curcuma e mallo di noce

Potete preparare questo abbronzante con 500 ml di olio di sesamo due cucchiai di curcuma e un cucchiaino di mallo di noce. Unite gli ingredienti in un barattolo, mescolateli bene e fate riposare per almeno 5 giorni in luogo fresco e al riparo dalla luce. Versate poi il composto in un barattolo di plastica e spalmatelo sulla pelle mezz’ora prima dell’esposizione.

 

 

Condividi
  • 3
    Shares