Una delle piante migliori da utilizzarsi per la cura dell’ipertensione è l’olivo, è molto efficace ed adatta anche a terapie lunghe perchè priva di tossicità. A questo scopo in fitoterepia si utilizzano le foglie che hanno un’azione vasodilatatrice e quindi sono ipotensive, cioè abbassano la pressione del sangue, sia la massima che la minima. Molto efficace, specialmente quando vi sia la necessità di ottenere un rapido abbassamento della pressione sanguigna, è il decotto di foglie di olivo: si fanno bollire 20 grammi di foglie di olivo in 300 di acqua fino a ridurre di 1/3, e questa (una tazza) è la dose giornaliera, l’effetto si avverte rapidamente ma è bene insistere per almeno 15 – 20 giorni. Nel caso di un’ipertensione più lieve si può utilizzare l’infuso, 30 – 50 grammi di foglie in un litro, da infondere per 25 minuti, se ne assumono 2-3 tazze al giorno. L’infuso di foglie di olivo ha anche proprietà depurative e diuretiche, antiuriche, ipolipemizzanti, ed ipoglicemizzanti, quindi svolge anche un’utile azione disintossicante generale, con particolare mira all’eccesso di acidi urici, grassi e zuccheri nel sangue. Un preparato valido da utilizzarsi qualora non si avesse il tempo di preparare la tisana è la tintura madre di foglie di olivo, la dose, variabile a seconda dei casi, è di 30-50 gocce 3 volte al giorno.
In commercio si trovano anche validi preparati nei quali l’olivo è associato ad altre piante ad azione ipotensiva, in particolare biancospino, vischio ed aglio, il biancospino (utilizzabile anche in tisana insieme all’olivo) coadiuva l’azione ipotensiva e regolarizza l’attività cardiaca, proprietà utile nelle lievi aritmie, il vischio è dotato di una notevole azione ipotensiva, ma, utilizzato da solo, non è adatto a terapie lunghe perchè dotato di una certa tossicità, l’aglio, blandamente ipotensivo, aiuta ad regolare l’eccesso dei lipidi del sangue (colesterolo e trigliceridi), problema che spesso si trova associato all’ipertensione.