Continuiamo il nostro viaggio verso l’oriente; da oggi Terza Luna vi offre un nuovo prodotto: il narghilè: sia per comprarlo o regalarlo, sia per fumarlo qui bevendo una tazza di tè seduti sui nostri puff.

Qualche cenno storico:

Il Narghilè ha sempre rappresentato il fumare in Oriente. Bisogna sempre considerare che prima non era così facile come oggi reperire le sigarette, che costavano e che duravano poco. Invece il narghilè e la sua melassa ha un costo più basso e come tutte le cose nel nostro negozio gira ad un ritmo decisamente lento e rilassato. Per fumare il narghilè bisogna sedersi e avere tempo, possibilmente si sorseggia una tazza di tè e si riflette sulla vita (se lo si fuma da soli) o si chiacchiera ( se lo fumiamo con qualcun’altro).

Il narghilè consiste in 4 parti, la prima è il fondo: un vaso di vetro che contiene l’acqua. Questo vaso si collega alla seconda cioè il cuore del narghilè, che è una specie di tubo in ottone o in acciaio lavorato e decorato, questo regolatore prende il fumo dal tabacco e lo emana nel vaso quando s’inala dal “lai”. Il lai è un tubo flessibile collegato al regolatore e che termina sulle labbra del fumatore quando tira. L’ultima parte si trova all’apice del regolatore ed è un contenitore di terra cotta o ceramica chiamato “haggar” dove si adagia il tabacco melassato e sopra il carboncino naturale in combustione.

Il tabacco dei narghilè non è proprio tabacco ma si tratta di melasse profumate, la melassa si ottiene dalla lavorazione dello scarto dello zucchero di canna.   Sarà importante ricordare che le melasse hanno una percentuale di catrame pari allo 0,0% e nicotina allo 0,5%. Per quanto riguarda i suoi effetti rispetto a quelli del tabacco posto degli estratti di un articolo su alcune ricerche scientifiche fatte in questo campo:

L’articolo intero che è molto interessante sia per i fumatori di narghilè sia per quelli di sigarette si trova al seguente link.

Oltre ai narghilè abbiamo anche melasse di tutti i tipi, marca “El baraka” e carboncini marca “Royal kings”. Per qualsiasi dubbio o richiesta, prego contattarci al seguente indirizzo: info@terzaluna.com

Il narghilè può essere un ottimo regalo per compleanni e anche per Natale,  con un pò di tè, una bella teiera si può fare uno splendido set “relax”.  I nostri narghilè sono interamente fatti a mano, facili da usare, bastano poche istruzioni:

COME PREPARARE IL VOSTRO NARGHILÈ

Livello dell'acqua

Il contenitore di vetro

Versate dell’acqua nel contenitore di vetro del vostro narghilè, in modo che il tubo rimanga immerso per 2-3cm (Fig. 1).

Inserite accuratamente il tubo metallico nel contenitore di vetro, facendo attenzione che la chiusura sia il più possibile ermetica (utilizzate le apposite guarnizioni in dotazione).

Fissate il piattino circolare alla parte superiore della struttura metallica. Collegate il tubo flessibile del bocchino al beccuccio erogatore nella parte centrale del narghilè (una o più uscite a seconda dei modelli), utilizzando l’apposita guarnizione in dotazione.

Carbone - Alluminio - Tabacco

Il fornelletto in ceramica

Posizionate il contenitore in ceramica sulla parte superiore del narghilè e ponete al suo interno una quantità di tabacco di almeno 10-15 grammi, sgranandola con le dita. Richiudete il tabacco con un foglio di alluminio e foratene la superficie in più punti con l’apposito ferretto (Fig. 2).

Accendete uno o due carboncini e posizionateli sopra il foglio di alluminio forato. I carboncini in commercio sono ad accensione istantanea e la loro durata permette di fumare per 40-50 minuti.

Aspirate dal bocchino. Dopo alcune aspirate si creerà del fumo all’interno del vaso di vetro. A questo punto il narghilè è pronto e potete cominciare ad aspirarne il fumo denso e profumato.

Manutenzione

Ricordate di cambiare l’acqua e lavare il contenitore di vetro, il tubo flessibile e il tubo metallico centrale con le apposite spazzole in dotazione possibilmente ogni 1-2 utilizzi. In questo modo il vostro narghilè esalterà al massimo i piaceri della vostra fumata.