Candida: Cos’è, Rimedi Naturali e Dieta per Curarla

Candida: Cos’è, Rimedi Naturali e Dieta per Curarla

Rimedi Naturali Contro la Candida: Come Curarla e Prevenirla

Molte persone nel corso della propria vita devono fare i conti con la candida, un’infezione causata dall’aumento del fungo Candida albicans, normale lievito presente nella flora batterica che in situazioni di stress, cattiva alimentazione o consumo di antibiotici tende a proliferare, trasformandosi in un patogeno. Nelle donne, la candida si manifesta specialmente come candidosi vaginale, e causa bruciore, arrossamento, prurito e perdite di consistenza mucosa. La candida vaginale si può curare, ricorrendo ad accorgimenti che riguardano principalmente il regime alimentare e le abitudini di vita, e ad alcuni rimedi naturali, utili anche nella fase di prevenzione. In questo articolo approfondiremo quali sono i sintomi e le cause della candida e come prevenirla e curarla in modo naturale ed efficace.

rimedi naturali candida

Candida: Cos’è e Sintomi

La candida, Candida albicans, è un fungo o micete normalmente presente nella flora batterica del nostro organismo, parte integrante del nostro microbioma. Si trova in particolare nella mucosa intestinale, ed è un lievito generalmente innocuo e funzionale all’organismo, poiché coinvolto nella digestione degli zuccheri. Tuttavia, quando a causa di diversi fattori esterni quali stress o un cattivo stile di vita la flora batterica intestinale viene danneggiata ed indebolita, ed il sistema immunitario non riesce più a controllare la proliferazione di questo fungo, la candida diventa un patogeno, responsabile di infezioni che possono affliggere qualunque parte dell’organismo, ma che più diffusamente interessano il livello della mucosa genitale (candidosi vaginale) ed orale (mughetto). La candidosi vaginale è una delle più frequenti manifestazioni della candida, e colpisce moltissime donne almeno una volta nella vita, tuttavia la candida può colpire anche gli uomini e scatenare infezioni in altre parti del corpo.

I sintomi della candida dipendono nello specifico dalla zona in cui si verifica l’infezione, ma generalmente comprendono prurito, bruciore, arrossamento, in caso di candida vaginale la presenza di un muco lattiginoso nelle parti intime (caratteristico però anche del mughetto), ed un generale indebolimento del corpo. È molto comune, nelle persone affette dalla candida, sperimentare anche giramenti di testa, problemi autoimmuni o una stanchezza cronica: questi risvolti non sono direttamente causati dalla candida, ma problematiche che spesso la accompagnano, causate dall’indebolimento delle difese immunitarie e intestinali.

Cause della Candida

In molti pensano che le cause della candida siano da attribuire ad una cattiva igiene intima o sessuale. In realtà, sebbene accortezze in tal senso siano fondamentali per la salute genitale, queste non hanno a che vedere con la candida, che invece è causata da un abbassamento delle difese immunitarie ed in particolare da un cattivo stato di salute dell’intestino.

Come abbiamo già detto, la Candida albicans è naturalmente parte della flora batterica intestinale, e causa infezione solo nel momento in cui si verifica un danneggiamento della flora intestinale naturale, che crea le condizioni perché la candida proliferi e prenda il sopravvento. L’indebolimento del sistema immunitario può essere causato da diversi fattori che favoriscono lo sviluppo della candida, ad esempio il consumo di antibiotici, una cattiva alimentazione, situazioni e periodi stressanti, abuso di alcool e fumo, ma anche la presenza di diabete o anemia, che contribuiscono al calo delle difese immunitarie e all’indebolimento del microbioma— condizioni ideali per l’aumento della candida. L’uso di antibiotici è spesso una delle cause più ignorate della candida, ed è infatti importante, se ci si trova sotto terapia antibiotica, assumere fermenti lattici in combinazione, in modo da rafforzare le proprie difese immunitarie: gli antibiotici sono infatti inefficaci contro la candida, in quanto uccidono i batteri, mentre la candida è un fungo, ed in tale condizione può colonizzare l’organismo.

Per riassumere, le cause principali che portano ad un aumento della candida sono:

  • Stress
  • Cattiva alimentazione
  • Eccessivo consumo di zuccheri
  • Antibiotici o corticosteroidi
  • Diabete
  • Abbassamento delle difese immunitarie
  • Eccessivo consumo di alcool
  • Fumo
  • Anemia

Queste condizioni sono comuni e normali nella vita di molte persone, ed in effetti la candida è un disturbo piuttosto diffuso. Sono in molti a chiederci quali siano i rimedi naturali per curare la candida: in tal proposito è importante sapere che la candida può essere curata, ma ancor più importante diventa prevenirla attraverso uno stile di vita sano e regolare.

candida rimedi

Come Curare la Candida: Cosa Fare e Cosa Non Fare

Per curare la candida è possibile ricorrere ad alcuni rimedi naturali ed azioni preventive utili a scongiurare l’indebolimento della flora batterica e la proliferazione del fungo. Uno step molto importante è quello di seguire un’alimentazione sana, evitando alcuni cibi come quelli ricchi di zuccheri o le farine raffinate, che indeboliscono le nostre difese immunitarie e costituiscono un nutrimento per la candida. Oltre a questo sarebbe bene introdurre nella propria vita alcune buone abitudini, che contribuiscano a ridurre le infezioni e prevenire le recidive:

  • Evitare l’utilizzo di indumenti sintetici e detergenti troppo aggressivi, preferendo fibre naturali;
  • Curare l’igiene intima e sessuale;
  • Evitare di utilizzare assorbenti esterni;
  • Evitare fumo ed alcool;
  • Praticare attività fisica leggera ed evitare la sedentarietà;
  • Evitare di grattare le zone pruriginose, piuttosto alleviare con dei rimedi naturali.

Il rimedio più efficace consiste tuttavia nel nutrire il nostro corpo e dunque i microrganismi della flora batterica in grado di rafforzare il sistema immunitario e di sconfiggere l’avanzare della candida. Una dieta sana, equilibrata e con i giusti nutrienti è fondamentale nel piano di prevenzione e cura della candida: in questo articolo suggeriamo una dieta “anti-candida” povera di zuccheri e carboidrati complessi, ma ricca di nutrienti, vitamine e antiossidanti: scopriamo quali sono i benefici di questo piano alimentare nel prossimo paragrafo.

candida dieta

Dieta Anti-candida: Cosa Mangiare e Cosa Non Mangiare per Curare la Candida

L’alimentazione è considerata l’aspetto più importante da curare per liberarsi della candida. Seguire una dieta sana, bilanciata, povera di zuccheri semplici e ricca di nutrienti è il modo migliore per rinforzare il sistema immunitario e creare un ambiente sfavorevole alla proliferazione del fungo, contribuendo all’eliminazione delle tossine.

In cosa consiste la dieta anti-candida? Il primo passo dovrebbe essere l’eliminazione di cibi processati e/o surgelati, ricchi di zuccheri aggiunti e conservanti, sostanze che favoriscono il danneggiamento della flora batterica intestinale ed il conseguente il sopravvento del fungo. È inoltre importante, in una dieta anti-candida ottimale, eliminare qualsiasi tipo di zucchero raffinato, ridurre al minimo il consumo di lattosio, di carboidrati semplici come la farina bianca, e di alcool.

Osservare una dieta salutare, accompagnata dal consumo di cibi ed ingredienti dalle proprietà antibatteriche ed antifungine è il trattamento più efficace per riportare l’organismo in salute e curare questa fastidiosa infezione: il piano alimentare, assieme ad altri tipi di accortezze già precedentemente menzionati, dovrebbe essere mantenuto per 2-3 mesi, anche successivamente alla scomparsa dei sintomi. Bisogna ricordare che la candida è un fungo naturalmente presente nella flora batterica, pertanto non è possibile “eliminarla”, ma semplicemente contrastarne la proliferazione: per questo è importante costantemente incentivare i batteri buoni presenti nella flora intestinale, mantenendo la dieta per almeno un paio di mesi e assicurandosi di non riprendere quelle cattive abitudini— di vita ed alimentari— che con certezza riporterebbero la candida allo stato di patogeno opportunista.

La dieta qui proposta come rimedio alla candida infatti altro non è che una dieta sana e bilanciata, ottimale per la salute dell’organismo, per il rafforzamento del sistema immunitario e dunque per scongiurare la comparsa di tutti quei disturbi correlati all’abbassamento delle difese immunitarie e al danneggiamento del microbioma. È infatti probabile che la candida faciliti la comparsa di altri disturbi relativi ad una cattiva risposta immunitaria, pertanto curarla attraverso una dieta opportuna permette anche di svolgere un’azione preventiva su tutti i fronti.

Nel libro The Candida Cure, qui citato come fonte per la definizione della dieta anti-candida, l’autrice Ann Boroch spiega come, nella sua esperienza, seguire una dieta anti-candida ben oltre la scomparsa dei sintomi le abbia consentito di ripristinare la sua salute ed il microbioma, nonché di liberarsi di altre infezioni ed infiammazioni (come mononucleosi, sinusite ed infezioni all’orecchio) dovute proprio ad un sistema immunitario troppo debole ed irrimediabilmente danneggiato da una vita stressante, una dieta piena di zuccheri e carboidrati processati, e la continua assunzione di antibiotici.

Per capire l’importanza dell’alimentazione nella cura della candida è fondamentale comprendere come il cibo che ingeriamo sia funzionale allo svolgimento delle funzioni vitali delle cellule del nostro corpo: una volta digerito, il cibo viene scomposto in acidi grassi, minerali, vitamine ed altri complessi che fungono da nutrimento per le cellule, pertanto è facile comprendere la crucialità di consumare il giusto cibo per permetter al corpo e al sistema immunitario di svolgere le proprie funzioni vitali correttamente: una dieta bilanciata ed equilibrata può mantenere un corpo in salute o riportarlo in questo stato, e pertanto una dieta sana può contrastare la candida o prevenirne la ricomparsa. Nelle prossime sezioni illustreremo alcuni cambiamenti che possono essere apportati alla propria alimentazione per fornire al corpo i nutrienti necessari a curare la candida, eliminando tutti quegli alimenti che invece ne favoriscono la proliferazione.

candida dieta

Cosa Mangiare per Curare la Candida

Una dieta antifungina per sconfiggere la candida dovrebbe essere basata sul consumo di verdura. Secondo The Candida Cure, le percentuali corrette dovrebbero essere del 60% di verdura biologica, 20% di proteine animali biologiche, 15% di carboidrati integrali e 5% di frutta, frutta secca e legumi. La prima regola da ricordare se si vuole curare la candida attraverso l’alimentazione è infatti che la candida è fomentata dal consumo di carboidrati semplici, pertanto sarà necessario tagliarli dalla propria dieta; ci sono poi altre accortezze e cibi specifici da assumere per contribuire a liberarsi dell’infezione: vediamoli insieme.

  • Consumare Cibi Biologici: in quanto i pesticidi sintetici, fungicidi ed erbicidi utilizzati nella coltivazione possono affliggere negativamente il microbioma e la salute delle muscose, favorendo le condizioni per la crescita della candida, oltre che danneggiare fegato e reni. Questo comprende anche il consumo di proteine, poiché spesso gli animali vengono nutriti con mangime coltivato con pesticidi.
  • Consumare Proteine Animali: le proteine animali una volta digerite liberano amminoacidi, importanti per la rigenerazione e riparazione cellulare, dei tessuti e degli organi. Consumare carne animale contribuisce anche a riequilibrare i livelli di zucchero nel sangue. È importante consumarne piccole porzioni, in modo da favorirne la digestione, almeno tre volte a settimana. Per una dieta anti-candida sono preferibili le carni bianche, dunque pollo, tacchino e pesce, ma si può optare anche per la carne di agnello – un consumo eccessivo di carne rossa potrebbe infatti aumentare l’infiammazione a causa del contenuto di grassi saturi. È fondamentale che le carni provengano da allevamenti biologici.
  • Consumare Verdure ed Ortaggi: una dieta con base vegetale è fondamentale per combattere la candida grazie ai contenuti di fitonutrienti, come betacarotenoidi e antociani, che aiutano a mantenere la salute dell’organismo e a rigenerarlo, non solo nel sistema immunitario ma anche sistema cardiovascolare e osseo. Le proprietà alcaline dei vegetali aiutano inoltre a ridurre l’acidità nel corpo, contribuendo a ridurre l’infiammazione e a creare un ambiente sfavorevole per la proliferazione della candida. Bisognerebbe dunque assumere il 60% della propria alimentazione in vegetali, in particolare verdure in foglia, le più ricche di nutrienti assimilabili, e cercare di consumarli crudi, in quanto la cottura distrugge enzimi fondamentali.
  • Consumare Erbe e Piante da Cucina: importante inserire erbe, fresche o secche in tisana nella propria dieta: coriandolo, rosmarino, origano, timo, aneto e salvia sono tutte ottime erbe da incorporare alla propria dieta, per un apporto di minerali, vitamine, betacaroteni e antiossidanti.
  • Consumare Frutta Con Moderazione: in quanto la frutta ha alti contenuti di zucchero. Detto ciò, la frutta contiene anche molte vitamine e minerali, nonché antiossidanti importanti, per questo consumarne piccole quantità potrebbe essere benefico. Preferire lamponi, mirtilli, more, kiwi e albicocche ad altri tipi di frutta, e limitare il consumo di frutta anche dopo il detox previsto dalla dieta di 2-3 mesi.
  • Consumare Cibo Integrale: è molto importante consumare, sempre in quantità minime, carboidrati complessi, ovvero grano che non è stato liberato della sua fibra: amaranto, kamut, quinoa, avena, segale e farina integrale sono degli ottimi sostituti della classica farina bianca, e contengono importanti quantità di vitamine B. Idealmente, il consumo giornaliero di carboidrati dovrebbe aggirarsi attorno ai 50 grammi, ricordando che anche frutta e verdura ne contengono.
  • Consumare Grassi Buoni: i grassi sono molto importanti anche nella dieta anti-candida, in quanto servono al corpo per costruire e nutrire le cellule. In questo regime alimentare è importante assumere omega-3 e omega-6, che il corpo non produce autonomamente e devono essere necessariamente introdotti attraverso la dieta. Questi grassi sono importanti per regolare la pressione sanguigna ed il battito cardiaco, e per ridurre le infiammazioni, dunque rientrano nella dieta per la candida. Possono essere assunti tramite pesce, semi di lino, olio di oliva e alcuni tipi di frutta secca.
  • Ridurre il Consumo di Legumi: legumi e fagioli sono spesso indicati come un cibo salutare ed introdotto nelle diete: sono ricchi di proteine ma anche di amido, che nel corpo si trasforma in zuccheri e che dunque può alimentare la candida. I legumi sono inoltre ricchi di sostanze che possono irritare la mucosa intestinale, pertanto si consiglia di consumarne in moderazione o di eliminarli del tutto nei primi due mesi del programma dieta. In caso si voglia consumarli, si consiglia di condirli con salvia, timo, origano, rosmarino o curcuma, poiché aiuteranno nella digestione. Anche la soia è uno degli alimenti da evitare nella dieta per curare la candida, in quanto spesso questo prodotto è estremamente processato.
  • Evitare i Cibi Fermentati: questo accorgimento potrebbe sembrare contraddittorio, in quando molti suggeriscono di consumare yogurt ed altri cibi ricchi di probiotici per curare la candida e sostenere la flora batterica: in realtà sarebbe preferibile evitare i fermentati, in quanto possono inizialmente aggravare e aumentare la candida. Evitare dunque yogurt, kefir, crauti, kimchi, kombucha e lievito. Il suggerimento è quello di tagliarli completamente per i tre mesi della durata della dieta, ed inserirli poi pian piano nella propria alimentazione, facendo attenzione al responso dell’organismo. Alcuni fermentati contengono infatti aceto o latte pastorizzato che fomentano la candida e la irritano. Scopri le ricette di aceti aromatizzati.
  • Bere Acqua: un’accortezza importante, in quanto la deidratazione è uno degli stressor principali per l’organismo, che ha bisogno di acqua per un corretto funzionamento. Per contrastare la candida bisogna dunque bere almeno 8 bicchieri d’acqua al giorno, per eliminare le tossine e migliorare il funzionamento di reni, colon, vescica e fegato. Bere acqua contribuisce anche ad eliminare alcune conseguenze della candida, come mal di testa e dolori. È possibile assumere anche delle tisane o del tè a scopo di idratare il corpo. Preferire dei tè bianchi, come quelli in vendita su Terza Luna, o tè verdi, e tisane come camomilla, karkadè e menta.
  • Assumere Integratori: spesso la dieta non è sufficiente ad introdurre nel corpo tutti i nutrienti di cui ha bisogno. Inserire degli integratori nel proprio piano di nutrizione può essere importante per mantenere un corpo sano, con un organismo che diventi un ambiente avverso alla crescita e prosperazione della candida. Gli integratori, come la tintura madre di echinacea, sono un ottimo modo di consumare un concentrato di nutrienti e di supportare l’organismo contro gli stress della vita quotidiana.

erbe candida

Cosa Non Mangiare Per Combattere la Candida

La dieta anti-candida è già esplicativa di quali sono gli ingredienti ed i prodotti da consumare, poiché benefici per la flora batterica e per il riassestamento del sistema immunitario, al fine di curare la candida, nonché di quali sono gli ingredienti ed i cibi da evitare. Abbiamo già parlato di come la candida proliferi grazie ad un’alimentazione di zuccheri e carboidrati e di cibi processati e ricchi di conservanti, ma anche di ingredienti difficilmente digeribili.

In regime di dieta anti-candida è anche bene evitare:

  • Caffè, bibite processate, succhi di frutta: che non sono da considerare sostituti dell’acqua e non idratano il corpo, ma contribuiscono al carico di zuccheri e sostanze infiammanti per il corpo.
  • Carne rossa grassa: che può aumentare l’infiammazione, a cui vanno preferite proteine animali bianche.
  • Lievitati e Fermentati: come abbiamo già detto nella descrizione della dieta, vanno piuttosto re-inseriti gradualmente nella propria alimentazione solo una volta finita la cura.
  • Alimenti di Difficile Digestione: come intingoli, cibi troppo grassi, cibi ricchi di amido e cibi fritti.

Rimedi Naturali per la Candida

Da affiancare alla dieta anti-candida esistono dei rimedi naturali che possono essere utilizzati per velocizzare la guarigione e supportare il sistema immunitario e la flora batterica. Ad esempio, si possono assumere delle tisane dalle proprietà lenitive, rilassanti ed antinfiammatorie, oppure creare degli ovuli vaginali o delle lavande per contribuire a curare l’infezione e lenire il fastidio. Vediamo quali sono i principali ingredienti, estratti vegetali ed erbe utili in caso di candidosi vaginale.

candida bicarbonato

Bicarbonato

Il bicarbonato è una sostanza molto utile per combattere la candida, poiché essendo molto alcalino riesce ad alzare il ph naturale della vagina, eliminando la condizione favorevole al fungo per proliferare. È un ottimo detergente e lo si può utilizzare sciogliendone un mezzo cucchiaino in acqua tiepida, utilizzando la miscela per effettuare dei brevi lavaggi.

candida echinacea

Echinacea

L’echinacea è una pianta medicinale dalle importanti proprietà immunostimolanti, efficace nel curare la micosi da candida. Si utilizza la tintura madre di echinacea, dalle proprietà antivirali e antinfiammatorie, che assunta come integratore contribuisce a riacquistare le energie, a riequilibrare l’organismo e a rafforzare le difese immunitarie. La tintura madre di echinacea in vendita online su Terza Luna è tenuta a macerazione 40 giorni in vino alchemico per potenziarne le proprietà benefiche.

candida olio di cocco

Olio di Cocco

L’olio di cocco può essere utilizzato per la cura della candida nella preparazione di ovuli vaginali, come quelli già suggeriti tra i rimedi naturali per la cistite, in quanto presenta proprietà antimicotiche ed antifungine. Per preparare gli ovuli vaginali vi occorrono:

  • 5 cucchiai di olio di cocco pressato a freddo
  • 2 cucchiai di oleolito di calendula
  • 10 gocce di olio essenziale di camomilla
  • 10 gocce di olio essenziale di tea tree oil
  • 10 gocce di olio essenziale di lavanda

Riscaldare l'olio di cocco a bagnomaria, aggiungere l'oleolito. Aspettare a che si abbassi la temperatura e aggiungere gli oli essenziali, mescolare, versare in un barattolo a chiusura ermetica e tenerlo in frigo. La sera, prima di andare a dormire prendere un mezzo cucchiaino, fare una pallina ed inserire in vagina. Andare a dormire tranquillamente.

candida calendula

Calendula

La calendula è una pianta dalle straordinarie proprietà lenitive, e può essere utilizzata per alleviare il fastidio, il prurito ed il bruciore. Si può farne un infuso, oppure preparare l’oleolito di calendula, un calmante e antinfiammatorio che può essere impiegato per la preparazione di ovuli vaginali. Puoi scoprire come preparare l’oleolito di calendula nel nostro articolo di blog dedicato.

tea tree candida

Tea Tree Oil

Il tea tree oil, ovvero l’olio dell’albero di tè, o olio di melaleuca, è molto utile per contrastare infezioni batteriche e fungine, e dunque anche il fungo della candida, grazie alle proprietà antimicotiche. Può essere semplicemente unito a dell’acqua calda per fare dei lavaggi quotidiani, ma può essere anche aggiunto all’olio di cocco per preparare degli ovuli vaginali, da inserire all’interno della vagina alla sera, prima di andare a dormire.

probiotici candida

Probiotici

I probiotici sono dei batteri “amici” della flora intestinale, che sono in grado di migliorarla e contrastare la proliferazione della candida. Molti suggeriscono di inserire nella propria dieta il consumo di probiotici mediante yogurt e cibi fermentati. In realtà questo sarebbe un errore, come abbiamo evidenziato nella dieta anti-candida: bisogna assumere probiotici sotto forma di compresse come il Lactobaob, ed assumere yogurt e fermentati solo una volta curata l’infezione, per rafforzare la flora batterica intestinale.

aceto di mele candida

Aceto di Mele

L’aceto di mele è un’alternativa al bicarbonato e al tea tree oil, che talvolta risulta troppo irritante, per effettuare dei lavaggi vaginali esterni. Tuttavia, aceto di mele e tea tree oil si possono anche utilizzare in combinazione per sfruttarne le proprietà antibatteriche. Utilizzare due cucchiaini di aceto di mele per un bicchiere di acqua calda ed aggiungervi 2 gocce di tea tree oil, 2 gocce di olio essenziale di lavanda e 2 gocce di olio essenziale di timo. Diluirli, ed utilizzare questa miscela per una lavanda, che contribuirà a scoraggiare la proliferazione del fungo. Effettuare non più di due lavande al giorno.

ibisco candida

Ibisco o Karkadè

L’ibisco appartiene alla famiglia delle Malvacee, come la malva, ed è anche detto karkadè, come è noto in Egitto, da dove proviene. L’ibisco ha, grazie ai bioflavonoidi in esso presenti, un’azione antinfiammatoria, antiflogistica e immunomodulante. L’ibisco contiene anche protoantocianidine, sostanze antiadesive che creano una sorta di pellicola protettiva dalla Candida albicans.

tisana-candida-stress

Tisana Antistress

Tra le cause della candidosi ricordiamo lo stress, che abbassa le difese immunitarie e mette pressione sul nostro organismo, favorendo lo sviluppo della candida: per moderarlo può essere utile assumere una tisana anti-stress: noi suggeriamo un infuso di iperico, melissa e rodiola. Puoi leggere di più nell’articolo sulle piante antistress.

curcuma candida

Curcuma

La curcuma è di recente al centro di molti studi per le sue importanti proprietà curative. Già inserita come condimento nella dieta anti-candida, può essere anche assunta sciolta in una tazza di latte caldo, con un pizzico di pepe nero che ne facilita l’assorbimento del principio attivo, la curcumina, dalle notevoli proprietà anti-fungine contro la candida.

candida prevenzione

Come Prevenire la Candida

La candida è una delle infezioni ginecologiche più diffuse, causata in particolar modo dalla poca conoscenza generale sui fattori di rischio che la innescano, che porta dunque molte persone a perpetrare tutti quei comportamenti che fanno dell’organismo un ambiente favorevole alla proliferazione del fungo.

Per prevenire la comparsa (o la ricomparsa) della candida è dunque importante mettere in atto comportamenti che preservino l’organismo da tale eventualità: per questo, nonostante sia presentata come dieta per curare la candida, le abitudini ed i consigli alimentari di cui abbiamo parlato precedentemente sono ottimali per il mantenimento di un organismo sano e per il rafforzamento del sistema immunitario. In caso l’infezione non sia in corso, un ottimo modo per prevenirla è quello di consumare cibi ricchi di probiotici e prebiotici, dunque yogurt, kefir, kombucha, che aiutano a mantenere l’equilibrio della flora batterica intestinale.

Alla dieta sana è inoltre importante affiancare una regolare attività fisica, il taglio di fumo ed alcool, ed una accorta igiene intima. Uno stile di vita sano è il miglior rimedio naturale per contrastare questa fastidiosa infezione.

 

Link Utili e Bibliografia

 

Articoli Correlati

Terza Luna Scritto da Terza Luna