Sencha, Tè Verde Giapponese: Proprietà e Preparazione

Sencha, Tè Verde Giapponese: Proprietà e Preparazione

Tè Sencha: Tè Giapponese non ossidato ricco di proprietà

Dalle note decise e leggermente amare, dal sapore pieno di tè verde e dal colore intenso, il tè Sencha è ricco di antiossidanti, un ottimo depurativo e può diventare un valido sostituto del caffè. Scopriamo insieme caratteristiche, origine e proprietà di uno dei migliori tè Giapponesi.

Il tè Sencha (煎茶) è uno dei più popolari tè verdi giapponesi, e costituisce circa l’80% della produzione di tè in Giappone. È un tè molto diffuso, che spesso viene trovato alla base di molti blend aromatizzati, ma che per questo non deve essere considerato un tè di meno pregio: un Sencha proveniente dal primo raccolto può infatti raggiungere qualità elevatissime.

È un tè verde non ossidato, caratterizzato da un aroma fresco e dolce. Ha un sapore erbaceo, come il suo simile tè Bancha, ma relativamente amaro, pungente, dovuto all’elevata presenza di catechine e polifenoli e al ridotto contenuto di clorofilla. È uno dei più amari tra i tè verdi ed è molto digestivo, ottimo come sostitutivo del caffè dopo pranzo per la sua azione energizzante e digerente, più dolce sullo stomaco rispetto ad un caffè. Il suo infuso ha un aspetto torbido ed un colore intenso, simile a quello dell’olio d’oliva.

Sei un vero Tea Lover?

SCOPRI LA SELEZIONE DI SENCHA GIAPPONESI TERZA LUNA

Bancha o Sencha? Le differenze tra i tè verdi giapponesi

Spesso si fa confusione tra i tè Sencha e Bancha. In realtà, entrambi derivano dalla stessa pianta, la Camelia Sinensis, eppure si tratta di due varietà diverse di tè, di cui il Sencha è considerata la più pregiata ed il Bancha la più comune.

La differenza tra i due tè è nel tipo di foglia e nel momento di raccolta. In primavera, infatti, in Giappone si procede con il primo raccolto delle foglie di tè, dopo che in inverno la pianta ha affrontato condizioni atmosferiche buie e nebbiose ed immagazzinato sostanze nutritive. Il primo raccolto, o first flush è quello del Sencha, ovvero delle nuove foglioline più tenere, con alta concentrazione di nutrienti, che si trovano più in alto nella pianta. Il Sencha first flush è dunque prodotto dalla prima selezione delle foglie, ed è un tè delizioso e molto pregiato.

Il secondo momento di raccolta è quello del Bancha first flush, il primo raccolto delle foglie più grandi, meno giovani che si trovano in basso. A differenza del Sencha, le foglie di Bancha hanno meno caffeina, che è un veleno per gli insetti: essendo meno giovani le foglie di Bancha sono più resistenti ai fattori esterni, più dure e meno accattivanti per gli insetti.  In compenso, il Bancha possiede più minerali, ed ha ricevuto una leggera ombreggiatura dalle foglie più giovani in alto che ha stimolato la produzione di L-teanina, una molecola antidepressiva molto importante. Il Bancha ha meno antiossidanti del tè Sencha, che ne è invece particolarmente ricco.

Dopo il raccolto di Sencha e Bancha first flush si può procedere ad un secondo raccolto, sempre nello stesso ordine. Si otterranno quindi prima un Sencha second flush, e poi un Bancha second flush, entrambi meno pregiati dei rispettivi primi raccolti. È bene precisare che ciò che cambia tra un Sencha first flush ed un secon flush non sono le proprietà, bensì il sapore.

Il Sencha è un tè molto popolare, tanto che un’azienda di sviluppo di web applications, sviluppatrice del noto tool Java Sencha Ext JS ne ha preso il nome, usando come logo una fogliolina di tè.

Lavorazione del tè Sencha

Il tè Sencha è un tè non ossidato. Dopo la raccolta, le foglioline vengono cotte al vapore, un processo che ne ferma appunto l’ossidazione. L’ossidazione è sempre fermata da una fonte di calore: in Cina, ad esempio, il processo viene effettuato mediante una cottura in grandi pentoloni, mentre la cottura al vapore delle foglie di tè è un metodo puramente Giapponese. Dopo la cottura al vapore di circa un minuto, le foglie vengono arrotolate e messe in forno per asciugarle ed essiccarle, procedimento che aiuta a prevenire le muffe e aiuta la conservazione.

tazza di tè sencha giapponese

Tè Sencha: Proprietà e Benefici

Le proprietà del tè Sencha sono molteplici e derivano dalla particolare chimica della foglia, che è ciò che fondamentalmente differenzia il Sencha ed il Bancha. Nel Sencha il primo raccolto di foglie ha più polifenoli e più catechine: si tratta di foglie più amare ma estremamente ricche di antiossidanti. Questa proprietà è dovuta sia al cultivar della pianta, ma anche alla cottura a vapore, che ‘stabilizza’ la foglia. Questo tipo di lavorazione, effettuata per tutti i tè verdi, è ciò che conferisce al Sencha le sue proprietà antiossidanti.

Il Sencha è inoltre ricco di sostanze amaricanti, infatti ha un sapore piuttosto amaro: queste sostanze conferiscono a questo the giapponese proprietà depurative per il fegato, dato che stimolano la secrezione di succhi gastrici. È un tè drenante, ed ha alti contenuti di teina, pertanto è un ottimo energizzante. Può essere bevuto come sostituto del caffè ed è particolarmente consigliato dopo pranzo.

Controindicazioni

Il tè Sencha non ha controindicazioni particolari, se non per coloro che sono intolleranti alla pianta o alla caffeina. Proprio per l’alto contenuto di teina, il Sencha è sconsigliato per le donne in gravidanza e per i bambini, nonché per chi soffre di disturbi dello stomaco. È un tè ad alto contenuto di tannini, leggermente astringente, per questo non è ideale per chi soffre di problemi di stitichezza o costipazione.

Matcha e Sencha: quali le differenze?

Abbiamo esplorato le differenze tra il Sencha ed il Bancha, ma non possiamo parlare di un tè pregiato giapponese senza nominarne un altro, il tè Matcha. Il Matcha è uno dei più fini e costosi tè giapponesi; le sue piantine vengono fatte ombreggiare per 20 giorni prima di essere raccolte che serve a far sviluppare il classico sapore dolce di questo tè. Il raccolto di foglie, tencha, viene fatto essiccare. Le foglie vengono successivamente sottoposte ad una lenta macinazione a freddo con pietra, che produce una polvere finissima ricca di antiossidanti e L-teanina.

Il tè matcha viene preparato facendo un’emulsione di polvere di tè e acqua, utilizzando un frustino di bamboo tipico della tradizione chiamato chasen e altri accessori. Se ti interessa particolarmente questo argomento non puoi perderti il nostro articolo sullla preparazione del matcha e le sue proprietà. Non si tratta quindi di un infuso di foglie, le foglie macinate finissime sono bevute con la bevanda. Questa preparazione è molto particolare, e diversa da quella del Sencha, che ora esploreremo in varie modalità, per imparare a gustare a pieno del suo sapore e goderne delle proprietà.

Tè Sencha: Come si prepara?

La preparazione del tè Sencha è una classica infusione. Le dosi variano in base al tipo di Sencha che si vuole gustare. In genere possiamo attenerci a queste proporzioni per preparare un buon sencha tea:

  • 2-3 grammi di tè sencha,
  • 100 ml di acqua,
  • Temperatura: 70-80°,
  • Tempo di infusione: 2 minuti.

I tempi di infusione del tè Sencha variano nel caso si voglia optare per un’infusione multipla, in cui si utilizzano quantità inferiori di acqua, adatte all’oggettistica da tè orientale, più minuta di quella occidentale, ma maggiori quantità di tè. Le infusioni saranno brevi e multiple, dalla lunghezza crescente.

Questo metodo rappresenta il modo più consono di degustare un tè giapponese, che con le molteplici infusioni acquisterà carattere ed un sapore più deciso.

Preparazione a freddo

Se si preferisce l’infusione a freddo, il tè Sencha può essere preparato con il metodo orientale Kōridashi di infusione in ghiaccio. Le dosi per questa preparazione sono di 10 grammi di Sencha per 500 grammi di ghiaccio, che sarà fatto sciogliere lentamente a temperatura ambiente, creando l’infuso di tè che potrà poi essere filtrato e degustato.
Bisogna tenere presente che il Sencha è un tè pregiato, e che ogni varietà potrebbe aver bisogno di diverse modalità di preparazione per apprezzarne a pieno le caratteristiche.

La nostra selezione di Sencha pregiati in vendita online

Oggigiorno è facile acquistare online del tè Sencha, ma è difficile reperirne di buona qualità, specie da quando sul mercato si sono affacciati i tè sencha cinesi, decisamente più economici di quelli giapponesi e di più scarsa qualità. Nella nostra esperienza, e spinti dalla passione che da dieci anni impieghiamo nel nostro negozio di tè online, abbiamo selezionato 4 varietà di tè sencha giapponese pregiate. Vere e proprie chicche che gli amanti dei tè giapponesi apprezzeranno di certo.

foglie di tè sencha yabukita bio giapponese

Sencha Yabukita BIO

Tra le varietà di Sencha una delle più rinomate è quella del cultivar Yabukita da cui si ottiene il tè verde giapponese Sencha Yabukita. Terzaluna propone un Sencha pregiato prodotto a Hioki, dove i raccolti sono protetti dalle montagne ed il tè viene ulteriormente ombreggiato, rendendolo ricco di clorofilla e più dolce rispetto al tipico sapore amaro del tè verde, per un tè delicato e dalle note agrumate.

tè sencha Kagoshima

Sencha Kagoshima BIO

Un’altra varietà pregiata presente all’interno del nostro shop online di tè è il Sencha Kagoshima, proveniente appunto dalla provincia di Kagoshima in Giappone, nell'estremo sud dell'isola. L’infusione di questo prezioso tè Sencha vanta un colore verde olivo, con note decise, estremamente gradite agli amanti del tè verde giapponese.

the sencha Benifuki

Sencha Benifuki BIO

Se si vuole invece sperimentare un the Sencha davvero particolare consigliamo il Sencha Benifuki, anch’esso proveniente dalla provincia di Kagoshima e di origine biologica.  Questo the Sencha giapponese è prodotto a partire dal cultivar Benifuki, un cultivar giovane, registrato nel ‘93, che nel tempo si è scoperto dare alle foglie una percentuale molto elevata di EGCG epitegallocatechina gallato, uno dei polifenoli del tè verde con maggiori proprietà antiossidanti.

A parte le fantastiche proprietà, questo Sencha, raccolto a primavera 2019, ha un gusto fresco con note marine, insomma un classico Sencha, ma di ottima qualità, ad un prezzo ragionevole, anche in virtù delle tante infusioni che si possono fare con le stesse foglie.

foglie di thè sencha e frutti di bosco

Sencha del Bosco con frutti rossi

Il gusto di un Sencha first flush è molto diverso da quello di un second flush, più pulito, deciso e leggermente meno amaro. Benché si possano suggerire abbinamenti o blend con protagonista il tè Sencha (come ad esempio il nostro Sencha del Bosco con frutti rossi), noi suggeriamo di realizzarli con blend di sencha o con un second flush, e di apprezzare invece un pregiato first flush nella sua purezza. Per un Sencha aromatizzato consigliamo di aggiungere all’infuso zenzero e limone, per aumentarne le proprietà digestive, o abbinarlo alle prugne giapponesi umeboshi, per catalizzare la funzione depurativa.

Tè Sencha, dove comprarlo?

Se questo articolo ti ha incuriosito e stai pensando all’acquisto di un tè Sencha, esplora la nostra selezione di tè verdi scelti appositamente dai migliori cultivar Giapponesi e trova il gusto che fa per te.

Anche tu sei un amante dei tè giapponesi?

SCOPRI LA SELEZIONE DI SENCHA GIAPPONESI TERZA LUNA

Terza Luna Scritto da Terza Luna